L’Università Sapienza aderisce al network delle Università per la Pace

Gli organi collegiali dell’Università Sapienza hanno approvato l’adesione dell’Ateneo al network delle Università per la Pace. Si tratta di una rete di università italiane che sono già impegnate o che intendono impegnarsi per la costruzione della Pace “positiva”.

La finalità principale della rete, la cui costituzione è stata promossa dalla promosso dalla Conferenza dei Rettori delle Università Italiane (CRUI), è la diffusione della cultura e della pratica della pace, in modo da rafforzare la riconoscibilità dell’esperienza italiana a livello internazionale e di incrementare le ricadute positive delle azioni poste in essere dai membri della rete.

Attraverso questa iniziativa, le università italiane intendono promuovere all’interno della comunità scientifica l’attenzione alla costruzione della pace, come vocazione costitutiva dell’Accademia e come perno di tutte le discipline in essa coltivate, nelle attività di ricerca, formazione e terza missione

Inoltre, il network si propone di favorire la non-violenza come approccio alla gestione dei conflitti, perseguendo la cultura del dialogo, del rispetto, dell’inclusione, della solidarietà e della condivisione, nel solco dei principi costituzionali di dignità della persona, libertà, giustizia e democrazia.

Gli atenei aderenti si impegnano a contribuire – attraverso la ricerca – alle analisi delle cause delle disuguaglianze, del sottosviluppo e della povertà (che spesso sono causa dei conflitti armati) e al loro superamento.

L’adesione della Sapienza al network, promossa, tra gli altri, dal Prof. Marchisio, costituisce senza dubbio un ulteriore impegno del nostro Ateneo, dopo l’adesione al Manifesto dell’Università inclusiva, per l’affermazione della cultura della dignità umana e della pace, attraverso lo studio e la ricerca, nel contesto di una società equa e inclusiva, basata sul rispetto dei diritti umani.

Per informazioni: https://www.crui.it/archivio-notizie/le-università-per-la-pace-nasce-il-network.html

2018  ©  Sapienza Università di Roma